Settimana europea per la riduzione dei rifiuti

 

 

L’edizione 2009 della Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti (European Waste Week Reduction), che si terrà dal 21 al 29 novembre 2009, con il supporto del programma della Commissione Europea LIFE+, è una campagna di comunicazione ambientale promossa dall’Unione Europea, che dal centro si dirama alla periferia, coinvolgendo i livelli nazionali e locali degli Stati aderenti.
Lo scopo principale è promuovere, tra i cittadini, una maggiore consapevolezza sulle eccessive quantità di rifiuti prodotti e sulla necessità di ridurli drasticamente.

La costante crescita dei consumi ad opera dei Paesi sviluppati ha come conseguenza primaria oltre che la diminuzione delle risorse disponibili, anche la costante crescita dei rifiuti prodotti, che seppur avviati laddove possibile al riciclo, attraverso una campagna di differenziazione dei rifiuti, di fatto costituiscono sempre di più un problema di non facile gestione. Le normative comunitarie, in questo ambito, diventano sempre più stringenti e sono sempre più orientate verso politiche specifiche che prevedono la diminuzione dei rifiuti prodotti attraverso iniziative che favoriscano la crescita della consapevolezza nei diversi soggetti.


Produrre meno rifiuti significa soprattutto pensare a se stessi e alle generazioni future.

Il potenziamento di specifiche politiche di prevenzione, promosse a livello territoriale, inizia a far emergere i primi segnali di una progressiva tendenza alla minore produzione di rifiuti.

La presa di coscienza, inoltre, da parte dei cittadini dell’importanza di ridurre il prelievo in natura delle materie prime e di sostituire, ancorché in minima parte queste attraverso il riuso e riciclaggio dei rifiuti valorizzabili, è alla base della ormai costante ed importante aumento delle percentuali di raccolta differenziata.

I dati pubblicati nell’ultimo Rapporto annuale dell’ISPRA confermano tali tendenze.

«La minimizzazione dei rifiuti – afferma Manuela Zublena – è uno degli obiettivi proposti dalla nuova direttiva europea sui rifiuti. L’Assessorato territorio ambiente della Regione Valle d’Aosta quest’anno ha deciso di partecipare all’appuntamento europeo con otto eventi diversi per tipologia e per target, e che complessivamente vedranno, in una sola settimana, oltre 180 momenti di interesse pubblico tutti incentrati sulla tematica di riduzione dei rifiuti. Non è un caso che la scelta di aprire la settimana con un momento di riflessione sulla tematica dei rifiuti sia dedicato ai più giovani, che potranno conoscere, attraverso la testimonianza di Antonio Galdo, uno dei giornalisti che più di altri ha prodotto reportage sugli sprechi, un qualificato punto di vista sulla problematica.
Gli altri appuntamenti della settimana – prosegue Manuela Zublena – sono incentrati sulla divulgazione della cultura della riduzione dei rifiuti e pensati per coinvolgere di volta in volta i diversi soggetti interessati, che a vario titolo vedranno la Valle d’Aosta rispondere proattivamente a uno dei maggiori problemi dei tempi moderni».

La possibilità di partecipare alla Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti con 180 eventi, distribuiti sul territorio regionale e volti alla sensibilizzazione della necessità di ridurre i rifiuti, è stata possibile grazie alla collaborazione con i partner locali che hanno collaborato attivamente alla realizzazione delle iniziative. Nello specifico: Celva, e quindi le Comunità montane e i Comuni, l’Institut Agricole Régional, l’Ascom, gli Assessorati regionali istruzione e cultura e agricoltura e risorse naturali, il Comune di Aosta, Valeco e l’Osservatorio Regionale sui Rifiuti.

 

Qui trovi tutte le news su docenti, uni, popolare banca.


Comments

comments

Leave a Reply