Un ambiente ecosostenibile per il natale Blue di Volkswagen

 

Ricicla il tuo Natale” porta a Milano la filosofia Think Blue.

Volkswagen rinnova il proprio impegno a favore dell’ambiente presentando a Milano una declinazione natalizia di Think Blue. espressione dei valori di Marca e soprattutto attitudine ad uno stile di vita sostenibile.

Il Natale “Blue” di Volkswagen prende vita grazie ad un ambient organizzato per le vie della città, sabato 11 Dicembre, che invita a riflettere, con un approccio divertente, sullo spreco di materiali, pacchetti ed imballaggi durante il periodo natalizio.

I passanti, camminando per Corso Como in cerca degli ultimi regali di Natale, si sono trovati di fronte ad una speciale campana della raccolta differenziata, interamente colorata di blu per l’occasione.

Chi vi ha introdotto rifiuti in carta e plastica, è stato “magicamente” ricompensato per il gesto sostenibile con la restituzione da parte della campana di una decorazione natalizia dello stesso materiale riciclato, pronta per essere appesa all’albero.

Naturalmente, è stata grande la sorpresa nel ricevere questo omaggio da una mano sbucata dal grande contenitore.

Palline, fiocchi e decorazioni sono stati interamente realizzati con materiali di riciclo e provengono dall’ associazione Piamarta, in prima linea per la formazione giovanile.

Questo riciclaggio con “effetto immediato” è stato possibile grazie ad una persona nascosta all’interno della speciale campana di raccolta rifiuti, pronta a porgere ai passanti, insieme alle decorazioni, anche un cartoncino con i consigli Think Blue. per affrontare il Natale con spirito più consapevole.

Come, ad esempio, riciclare la carta da regalo, appena concluse le feste, o scegliere un abete vero, ma con le radici ben sviluppate, in modo da poterlo ripiantare subito nel terreno dopo Natale.

Lo stesso format verrà ripetuto, sempre a Milano, durante il weekend del 18/19 Dicembre, per un Natale eco-sostenibile perfettamente in linea con i principi Think Blue.

Comments

comments

Leave a Reply