Author Archives: admin

Prenditi cura della tua città: scopri i servizi ecologici a Prato

Il bagno chimico lo conoscono ormai quasi tutti, ma ciò che la maggior parte di essi non sa è che al giorno d’oggi può essere realizzato con materiali eco sostenibili grazie alle nuove tecnologie e materiali di produzione.

In commercio ce ne sono di svariate tipologie e modelli adatti proprio a tutti, e per chi necessita addirittura di un servizio igienico al top molti produttori hanno pensato bene di realizzare articoli eleganti e raffinati tenendo conto perfino dei minimi dettagli. In quest’ultimo caso, per chi organizza eventi degni di nota i bagni chimici di lusso rappresentano la migliore soluzione da considerare.

In particolare, le aziende che si occupano di servizi ecologici a Prato sono moltissime. Mettono a disposizione della clientela una vasta gamma di prodotti, tutti di altissima qualità, certificati e comprovati. Gli articoli sono realizzati con materiali innovativi e d’avanguardia, e grazie a queste caratteristiche, l’impatto ambientale viene di gran lunga ridotto.

I bagni chimici dunque, rappresentano la migliore scelta da considerare per qualsiasi tipologia di concerto, manifestazione o evento che sia.

Scegliere uno dei servizi ecologici messi a disposizione vuol dire prediligere un’azienda a cui sta a cuore la salvaguardia del pianeta, un punto di riferimento a cui potersi rivolgere in caso di necessità.

Servizi ecologici benefici

Essendo ecologici, tali servizi offrono diversi e svariati vantaggi:

  • Non inquinano l’ambiente;
  • Non hanno la dispersione del liquido;
  • Si possono posizionare ovunque in modo sicuro al 100%;
  • Facilmente removibili quando non servono più;
  • Non occorre nessun collegamento idrico o fognario.

Di cosa si necessita prima di considerare i servizi ecologici?

Per prima cosa bisogna ottenere in dettaglio tutte le informazioni al riguardo, in modo da fare una scelta consapevole. Rivolgendosi alla giusta società, immediatamente un consulente sarà a propria disposizione per fornire maggiori delucidazioni in merito e indirizzare il cliente verso la migliore scelta da fare sia per quanto riguarda i modelli da prediligere ma anche la quantità di servizi igienici che occorrono.

Verrà effettuato un sopralluogo per meglio capire la posizione strategica da adottare per posizionare i vari bagni chimici.

Affidandosi al miglior produttore moltissimi sono i vantaggi che si possono ottenere, in primis la qualità eccellente degli articoli.

Provare per credere!

Come organizzare un ricevimento di successo

Matrimoni, battesimi, prime comunioni, lauree, feste private e di compleanno: sono molte le occasioni in cui si ha l’esigenza di organizzare un ricevimento in un locale. Per rendere tutto davvero perfetto e lasciare un ricordo indelebile nella mente del festeggiato e degli invitati, basta seguire alcune accortezze.

Organizzare un ricevimento: prenotare la location

Il primo da passo è quello di avere un’idea più precisa possibile del numero dei presenti. Per farlo si possono usare vari metodi: inviare degli inviti con richiesta di conferma, organizzare un evento social, passando parola o creando una chat di gruppo.

Quando si ha un’idea chiara di quante persone prenderanno parte all’evento, bisognerà scegliere la location. Per organizzare ricevimenti a Roma o in qualsiasi altra città è importante muoversi in anticipo, selezionando con cura il locale.

Per farlo si possono consultare gli elenchi dei ristoranti e delle strutture che offrono il servizio di ricevimento. Le opzioni sono moltissime: basta usare un motore di ricerca oppure ricorrere a portali specifici che propongono liste di locali da filtrare a seconda della tipologia di festa.

Dopo aver scelto la location, si può procedere con la prenotazione. A questo proposito è indispensabile sapere il numero delle persone che parteciperanno alla festa in modo che i proprietari del locale selezionato possano allestire la sala e predisporre il numero di tavoli necessari.

Feste private, di compleanno e altri ricevimenti: definire i dettagli

Dopo la prenotazione e la conferma della stessa, si può passare alla definizione dei dettagli. Previo accordo con il personale del locale, è necessario pensare alle decorazioni, alla modalità di servizio del cibo e all’eventuale presenza di musica.

Molti gestori di sale per ricevimento offrono il servizio di allestimento degli interni e sono in grado di scegliere le decorazioni più adatte a seconda della ricorrenza.

Se si preferisce procedere in autonomia, è possibile ricorrere ad un organizzatore di eventi professionista oppure incaricare una persona più esperta di procedere con il lavoro. Questo può essere fatto in maniera formale o amichevole, a seconda delle esigenze.

Infine, bisogna decidere quale sarà la tipologia di servizio del cibo. Una delle scelte che va per la maggiore è quella del buffet a base di stuzzichini, finger food e bevande, ma non è l’unica via.

Una delle tendenze più in voga è quella dell’apericena, ossia un aperitivo rinforzato che preveda anche portate più elaborate come pasta, pietanze di carne e verdure.

Dulcis in fundo

Se il ricevimento viene organizzato per feste di compleanno o altre occasioni in cui è prevista la torta, occorre mettersi d’accordo con il personale del locale.

Non tutti, infatti, mettono a disposizione la possibilità di preparare la torta. In questo caso occorre rivolgersi ad una pasticceria esterna. Il dolce va poi portato al personale della struttura di ricevimento poco prima dell’inizio della festa.

Immancabile l’accompagnamento con uno spumante o champagne: il numero di bottiglie va scelto in base alle persone presenti e concordato con i gestori in modo che possano organizzarne il servizio al momento dell’uscita della torta.

Marketing: tutte le novità nel 2020

La chiave principale per fare del buon Marketing è quella di permettere ai consumatori di avere fiducia in te, nelle tue parole e nelle tue azioni. Per fare ciò, devi preoccuparti di realizzare una strategia finemente calibrata basata sulla comprensione della segmentazione dei clienti. Se ti stai chiedendo da dove iniziare, ecco sette cose chiave che devi fare nel 2020:

Conosci il tuo target

L’elemento di base di qualsiasi strategia di marketing è capire chi sono i tuoi clienti, cosa fanno, cosa amano e cosa pensano. In particolare, è necessario comprendere l’intento dietro le loro ricerche ed il contesto di tale intento :  “Cosa stanno cercando?”, “Perché lo stanno cercando ora?”. Se ad esempio la query in questione è “stampa online”, quali sono i prodotti che stanno cercando di più? Si avvicina la fine dell’anno e le aziende vogliono regalare dei calendari? Oppure i prodotti più richiesti sono i biglietti da visita perché si avvicina il periodo in cui si avvicendano gli eventi fieristici?

Non perdere una singola vendita a causa di un servizio scadente o del mancato follow-up. Assicurati che i tuoi moduli di raccolta dati online siano veloci e facili da completare e che raccolgano gli elementi giusti come ad esempio: la loro età, reddito, posizione e altri dati demografici, nonché ai loro interessi, hobby e, soprattutto, l’aspetto della loro vita online.

Vai oltre alla vendita

I prodotti, ormai, non sono più fini a se stessi. per molte persone fanno parte di un marchio personale e una dichiarazione di chi sono. Di conseguenza, la vendita di beni o servizi spesso consiste nella vendita di un’esperienza. Pensa a tutto il tempo che le persone trascorrono su Instagram guardando gioielli o macchine che non possono mai permettersi. Tienilo a mente nel tuo marketing e usa il video e la migliore fotografia possibile per condurre il tuo pubblico durante il percorso di vendita.

Fai molte ricerche

Fai le tue ricerche per scoprire di più su ciò che il tuo pubblico sta cercando. Sondaggi sui social media  sono un modo semplice per trarre informazioni preziose. Non ignorare i commenti e le recensioni che ricevi gratuitamente sui social o su Google. Le persone sono impegnate, quindi potresti doverle incentivare per partecipare, sia che si tratti della possibilità di un premio o di un omaggio – un invito a un evento di interni. Investire su un premio decente, come un orologio Apple, potrebbe valerne la pena in termini di dati raccolti.

Rifiuti particolari: ecco come smaltirli nel modo corretto

Nonostante ormai la raccolta differenziata dei rifiuti abbia per fortuna preso piede in tutto il nostro Paese, tuttavia molti cittadini continuano a non sapere come smaltire correttamente alcuni rifiuti. E’ quanto emerge dal comunicato stampa diffuso dall’Associazione Web E-Green, agenzia specializzata in analisi dei dati web ed una serie di altri servizi quali e-commerce agency Se da una parte è molto facile comprendere dove gettare la plastica, la carta e il cartone, il vetro e i metalli e i rifiuti organici, dall’altra pare persista una certa ignoranza circa alcuni rifiuti e la loro giusta collocazione nei cassonetti. In questa piccola guida quindi, cercheremo di fare luce sul corretto smaltimento di alcuni rifiuti particolari (e per ‘particolari’ intendiamo quelli che, per materiale di cui si compongono, non sono facilmente collocabili). Premesso che ogni comune prevede un suo sistema di raccolta di rifiuti, quindi il consiglio è sempre quello di informarsi bene circa le direttive di smaltimento della propria città (che sono solitamente ben specificate sul sito ufficiale del comune my business e anche sugli stessi cassonetti). Incominciamo con le vaschette per alimenti in polistirolo: si tratta di un rifiuto che, dopo essere stato opportunamente ripulito da qualunque residuo alimentare, va buttato nella plastica.

I cartoni del latte (ma con lo stesso tipo di materiale si fabbricano anche i contenitori per i succhi di frutta e legumi), vanno buttati nella carta e cartone, in quanto si tratta di un materiale misto carta e alluminio – per questo tipo di rifiuto però, bisogna informarsi bene presso il proprio comune, poiché ancora non tutti hanno predisposto uno smaltimento adeguato. In quel caso, va buttato nell’indifferenziata). I tappi di sughero: ecco un altro materiale ‘ambiguo’. Dove va buttato il sughero? Trattandosi di un materiale naturale (si ricava dalla corteccia della quercia da sughero), la collocazione più corretta è nell’umido. Ma anche in questo caso, bisogna informarsi bene circa le modalità di smaltimento rifiuti del proprio comune, in quanto talvolta può capitare invece di doverlo buttare negli appositi cassonetti del legno posti all’interno delle Isole Ecologiche. Passiamo ora alle pile: trattandosi di un oggetto considerato altamente inquinante, vengono predisposti dei contenitori appositi, posti solitamente fuori dai centri commerciali o dai supermercati. Non resta che individuare i giusti contenitori e fare il proprio dovere di cittadini che hanno a cuore l’ambiente.