Category Archives: Uncategorized

Pannelli in silicio amorfo: in Belgio il più grande impianto in Europa

Derbigum applica Derbisolar sull’ impianto fotovoltaico del Flanders Expo, 53.000 m² di superficie per la produzione di 1,5 milioni di KWh/anno, pari ad un investimento di 10 milioni di euro

Derbigum ha installato sui tetti degli 8 padiglioni espositivi del Flanders Expo (per una superficie totale di 53.000 m²) un impianto fotovoltaico della potenza di 1,87 MWp (megawatt peak).

L’impianto produrrà 1,5 milioni di KWh all’anno, ovvero il consumo elettrico di 454 famiglie. Il sistema utilizzato è DERBISOLAR che unisce una base impermeabile ai pannelli fotovoltaici di tipo amorfo prodotti da Unisolar (modello PVL-144, PVL-136 e PVL-68), garantisce una tenuta impermeabile e consente inoltre di produrre energia.

Una volta posata la membrana Derbisolar Base con la tecnica a freddo, si procede con l’applicazione dei pannelli fotovoltaici a film sottile, provvisti di un particolare adesivo sulla faccia inferiore che si incolla saldamente al manto impermeabile. Vengono poi installati i raccordi elettrici tra i pannelli e la rete, protetti da elementi esterni in plastica, molto pratici per la manutenzione e la pulizia.

DERBISOLAR è molto leggero e ha un limitato impatto estetico, perché a differenza dei classici pannelli cristallini è integrato direttamente all’impermeabilizzazione del tetto ed è praticamente invisibile dal basso, inoltre rientra tra le tecnologie riconosciute a totale integrazione architettonica (BIPV – Building Integrated Photovoltaics) da parte del Conto Energia, godendo quindi dei maggiori incentivi per la produzione di energia fotovoltaica.

Derbisolar è un sistema leggero e flessibile, la posa non necessita di alcuna perforazione del tetto (nessun rischio di infiltrazioni). In caso di luce diffusa funziona comunque, pertanto la superficie della copertura può essere utilizzata in maniera ottimale. Inoltre il sistema è molto resistente: le celle fotovoltaiche sono integrate a un materiale sintetico invece che al vetro.

«In collaborazione con la città di Gand, abbiamo voluto realizzare una tappa importante nel progetto di sviluppo sostenibile sul sito The LOOP » spiega Dirk Van Roy, CEO di Artexis – Fiera delle Fiandre « Abbiamo scelto di collaborare con Derbigum in ragione della riconosciuta esperienza, della qualità delle loro referenze e della rapidità di esecuzione.».

Flanders Expo diventa così il primo complesso espositivo del Belgio a disporre di un impianto fotovoltaico con un investimento pari a 10 milioni di euro, utilizzando la maggior parte di questa energia verde per far fronte al proprio fabbisogno energetico. L’eventuale surplus potrà essere messo a disposizione della rete pubblica, in 20 anni si eviterà così l’emissione di 1.140 tonnellate di CO2.

www.derbigum.it


Finanziamento aziende su ambiente e sicurezza

La Camera di Commercio di Bergamo mette a disposizione un fondo di € 300.000,00 per sostenere interventi nel campo ambientale e della sicurezza.
Possono partecipare al bando le imprese industriali di produzione con unità produttive in provincia di Bergamo, in regola con il pagamento del diritto annuale, per interventi effettuati in tali sedi. Sono prioritarie le piccole e medie imprese e quelle che non hanno beneficiato del contributo nell’edizione 2009 del concorso.
Sono ammesse al contributo le spese fatturate a partire dall’11 dicembre 2009 per:
· consulenza per l’analisi ambientale iniziale, la progettazione, definizione, applicazione, verifica e certificazione dei Sistemi di gestione ambientale (SGA);
· consulenza per la progettazione definizione, applicazione, verifica e certificazione dei Sistemi di gestione della sicurezza del lavoro (SGSL);
· spese per la certificazione del marchio Ecolabel e della catena di custodia degli standard FSC e PEFC;
· attività di auditing di parte terza effettuato dall’organismo di certificazione o dal verificatore ambientale (nel caso di EMAS);
· dismissione delle opere in amianto: spese di demolizione e smaltimento;
· eliminazione delle barriere architettoniche: consulenza, progettazione, acquisto di attrezzature ed esecuzioni di opere edili;
· studi, progettazioni e interventi mirati alla riduzione dell’impatto acustico delle aziende sull’ambiente esterno all’insediamento produttivo;
· studi, progettazioni e interventi per la prevenzione dei rischi di esplosione dovuti alla presenza di gas, vapori, nebbie e polveri;
· studi, progettazioni e interventi per la riduzione dei rischi derivanti da movimenti ripetuti degli arti superiori e da movimentazione manuale dei carichi nelle attività produttive;
· studi, progettazioni e interventi per la sostituzione delle sostanze e miscele chimiche più pericolose utilizzate nel ciclo produttivo;
· studi, progettazioni ed interventi per il miglioramento della qualità delle emissioni in atmosfera.
Il contributo sarà pari al 40% del costo con un limite di € 5.000,00 per impresa.
La domanda di partecipazione,scaricabile dal sito camerale, può essere inviata solo per via telematica all’indirizzo promozione@bg.legalmail.camcom.it  a partire dal 15 gennaio 2010 fino ad esaurimento del fondo.


Un nuovo portale per i tuoi investimenti immobiliari

Un nuovo portale per i tuoi investimenti immobiliari: con Investimondo avrai la garanzia di un investimento a rendita certa e un’esperienza di vita unica

A tua completa disposizione esperti del settore, che avranno il compito di presentarti periodicamente i migliori affari nella Grande Mela, ma anche quello di indirizzare i tuoi interessi verso i quartieri più affini alla tua personalità. Investimondo, pertanto, crede moltissimo nel concetto di “personalizzazione”, preservando parallelamente la sicurezza dell’investimento.

Conoscerai la Manhattan immune da svalutazione economica e capace di presentarti le migliori opportunità con rendita certa.

LO SVILUPPO DELLE CITTA’ AL CENTRO DI UN CONVEGNO INTERNAZIONALE A FORLI’

 

Il futuro delle città di medie dimensioni tra innovazione e sostenibilità è il tema del convegno internazionale che si svolgerà a Forlì lunedì 15 giugno prossimo alle ore 14,45 nella Sala Zambelli della Camera di Commercio di Forlì-Cesena – L’incontro è una sessione della Conferenza Internazionale della Johns Hopkins University in programma a Bologna dal 14 al 16 giugno.

Un convegno internazionale dal titolo “Territorio Sostenibile – Capacità di adattamento delle Città e dei Territori allo Sviluppo sostenibile”, prende il via lunedì 15 giugno prossimo, dalle ore 14,45 per tutto il pomeriggio, nella sala Zambelli della Camera di Commercio di Forlì-Cesena (Piazza Saffi 36, Forlì); co-organizzato dall’Ente camerale con Serinar Forlì-Cesena ed Antares (centro di ricerche sullo sviluppo locale, spin-off dell’Università di Bologna,con sede a Forlì), con la collaborazione della Provincia di Forlì-Cesena e del Comune di Forlì, è una sessione speciale “verde” della 39° Conferenza dell’International Urban Fellows Association (IUFA) della Johns Hopkins University, in programma a Bologna dal 14 al 16 giugno p.v., sul ruolo delle città di medie dimensioni nell’economia della conoscenza.

La sessione di Forlì, dedicata alla sostenibilità dello sviluppo in chiave ambientale, è incentrata su esperienze locali, regionali ed internazionali di adattamento alle energie alternative e all’ abbattimento del consumo energetico, soprattutto in termini di pianificazione urbana.
Il convegno rappresenterà quindi un’occasione importante di confronto sulle azioni e sulle politiche che possono essere adottate per rendere il territorio sostenibile dal punto di vista ambientale ed energetico.

Dopo i saluti di Tiziano Alessandrini, Presidente della Camera di Commercio di Forlì-Cesena, di Pier Giuseppe Dolcini, Presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì e di Piero Gallina, presidente Serinar di Forlì-Cesena, l’incontro si articolerà in due momenti: uno dedicato alle esperienze locali e regionali, l’altro alle esperienze europee ed internazionali; moderatore Lorenzo Ciapetti di Antares. Per l’occasione funzionerà un servizio di traduzione simultanea.

Il tema della sessione forlivese è uno degli aspetti del governo delle città, argomento della Conferenza di Bologna che punta l’attenzione sulle città medie in Europa ed in Italia, rappresentanti la maggioranza delle agglomerazioni urbane. La definizione tuttavia non è univoca, o meglio non esiste una definizione unica per “città media”, essa infatti varia a seconda del contesto urbanistico e pianificatorio, da paese a paese; in Europa si parla di città medie per quelle che vanno dai 20.000 ai 200.000 abitanti, in Italia per le città comprese tra i 15.000 ed i 300.000 abitanti, negli USA per le città comprese tra 50.000 e 500.000 abitanti.

Si tratta comunque di quei centri urbani che per concentrazione di abitanti e di attività produttive garantiscono il dinamismo dello sviluppo al di fuori delle grandi città e delle metropoli di scala europea. Questo tipo di città assume particolare centralità nel contesto emiliano-romagnolo che è di fatto strutturato su città medie in virtù anche delle politiche che possono essere implementate per rafforzare le reti di città, come ad esempio auspicato dal nuovo Piano Territoriale Regionale.
La Conferenza IUFA 2009, che affronterà il tema delle città medie nel contesto di pianificazione e sviluppo urbanistico italiano, presterà attenzione anche alle dinamiche di sviluppo di questo tipo di città in Europa e negli USA.
La conferenza è co-organizzata dall’Institute for Policy Studies della Johns Hopkins University e da Antares.
Il Programma Internazionale degli Urban Fellows, creato nel 1969, consente ogni anno ad esperti accademici e non di confrontarsi su temi di sviluppo urbano e locale. Nei suoi 40 anni di vita il programma ha permesso ad architetti, economisti, sociologi, prevalentemente provenienti dall’Europa, di approfondire in chiave di analisi comparata i problemi e le opportunità che caratterizzano lo sviluppo di una città e le implicazioni sulle scelte di policy che scaturiscono dall’affrontare determinate problematiche a livello urbano.
Informazioni sulla Conferenza possono essere consultate sul sito: www.visible-cities.net